Becco d'Argento (Lonchura Cantans)

La scheda del Becco d'Argento

E' un piccolo astrilide lungo circa 11cm originario dell'Africa settentrionale, più precisamente possiamo trovarlo nelle savane, nelle zone aride e nelle praterie.


Ama trascorrere la sua vita in ristretti gruppi familiari, anche se in alcuni casi si possono incontrare numerose colonie.

L'alimentazione in natura è costituita da erbe prative e soprattutto nel periodo dell'allevamento dei pulli anche da piccole larve che servono come apporto di proteine.

Il periodo della riproduzione in natura coincide con il periodo delle piogge, che è sicuramente il periodo più adatto per reperire il cibo indispensabile per l'allevamento dei piccoli. Il nido viene costruito con foglie di erbe sottili tra i cespugli. La femmina depone in media 5/6 uova e le cova per circa 14 giorni.

Come molti altri esotici, nel Becco d'Argento (Lonchura Cantans) non vi è dimorfismo sessuale, vale a dire che all'occhio non vi è distinzione tra maschio e femmina, ma l'unico modo per identificarli è il canto del maschio.
Ad occhi di esperti invece, qualche piccola caratteristica distintiva esiste, e sto parlando della posizione degli occhi rispetto al becco. Nel maschio l'occhio risulta sopra il becco, nella femmina invece l'cchio si trova sulla stessa linea del becco. E' comunque un segno distintivo difficile da percepire, soprattutto per chi non alleva questo piccolo esotico, anche perchè la differenza di posizione dell'occhio rispetto al becco è impercettibile.

Questa Lonchura abbastanza diffusa in cattività, ma qui in Italia mi sto sempre più rendendo conto che non è molto allevato, ma che si preferisce allevare altre specie che sicuramente hanno maggiore valore commerciale. Questo fa si che, oltre a essere poco presente nelle mostre ornitologiche, non si seleziona come invece meriterebbe.

Io ho iniziato nel 2009 con una coppia di soggetti ancestrali, e da questa prima coppia ho avuto 3 novelli anch'essi ancestrali. L'anno successivo ho introdotto una femmina ancestrale proveniente dal Belgio e da li ho iniziato la selezione "vera e propria".

La mutazione Bruno produce eumelanina bruna, è una mutazione legata al sesso ed il soggetto si presenta di un colore piuttosto chiaro tendente al rossiccio; la mutazione Ventre Scuro è costituita dall'eumelanina nera ed è recessiva e si presenta appunto con il ventre di un marrore scuro tendente al nero ed il resto del corpo di colore bruno; la Ino invece impedisce la formazione di melanina, l'eredità è legata al sesso (anche se sembrerebbe anche recessiva) e il Becco d'Argento Ino si presenta di un bel bianco candido con gli occhi rossi.

Riassumendo il discorso mutazioni nel becco d'argento, troviamo tra le mutazioni sessolegate la bruno, l'agata, l'ino (classico codione rosa) e l'ino codione giallo; tra le mutazioni recessive invece sono presenti l'opale, la pastello recessivo, la grigio e la ventre scuro.

In cattività solitamente il periodo della riproduzione inizia dalla metà di settembre, anche se conosco qualche allevatore che fa partire le cove in primavera.

Consiglio la riproduzione in coppie e non in colonia in quanto in colonia, essendo uccellini molto vivaci, si disturbano molto tra di loro soprattutto condividendo gli stessi nidi per trascorrere la notte.
La riproduzione in coppia invece permette prima di tutto l'affiatamento della coppia che per mie esperienza è sicuramente una delle basi più importanti per la riproduzione.

Utilizzo gabbie da 55/60 cm di lunghezza dove inserisco prima il maschio, dopo un paio di giorni la femmina e indicativamente al 5° giorno il nido con il materiale per l'imbottitura. Per l'imbottitura del nido non tutte le coppie hanno le stesse preferenze, infatti ho soggetti che preferiscono il fieno ed altri che preferiscono la sisal e la iuta, quindi mettete a disposizione un pò di tutto e lasciate scegliere a loro.
Cosa molto importante che ho notato, almeno nelle mie femmine, la facile soggezione a ritenzioni dell'uovo. Ho evitato ciò trattando le femmine, nella settimana precedente alla riproduzione, con un'apposito integratore di calcio oltre al solito grit ed osso di seppia.
La femmina depone in media 5/6 uova che cova per circa 14giorni, anche se ho una femmina che ha una media di 9 uova deposte.
I pulli quando nascono presentano un becco molto grande rispetto agli altri esotici più diffusi, e questo fa si che molte balie non li accettino.
L'alimentazione è la solita, quindi un buon misto per esotici, pastoncino secco e spighe di panico a volontà quando i novelli escono dal nido. Io non le uso, peròmolti consigliano anche la somministrazione di tarme della farina nel periodo dell'allevamento dei piccoli.
Lo svezzamento avviene indicativamente attorno ai 40/45 giorni di vita e li metto in voliere da 120cm di lunghezza in modo tale che possano imparare a volare.

 

 

Fonti: 'Lonchura Cantans' - Wikipedia
Rielaborazione a cura di: Allevamento Valle Masna

Chi è online

Abbiamo 28 visitatori e nessun utente online

Portale esotici

Portale Esotici Top Sites List

Sito ottimizzato con TuttoWebMaster

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.