Diamante di Gould (Chloebia Gouldiae)

La scheda del Diamante di Gould

Il Diamante di Gould è senza ombra di dubbio uno degli esotici più belli e particolari che si possano trovare, ed è anche uno dei più allevati qui in Italia.

E' originario dell'Australia, e più precisamente della parte settentrionale. Il clima della regione è molto particolare, infatti per quasi tutto l'anno i venti proveniente da sud-est rendono il clima molto secco con temperature superano i 40°, mentre invece nel periodo che va da novembre fino a marzo i venti che provengono da nord-ovest portano piogge in abbondanza che favoriscono quindi la formazione di grandi corsi d'acqua e l'aumento della vegetazione, con conseguente abbondanza appunto di acqua e cibo. Condizioni che favoriscono la riproduzione del Diamante di Gould così come di altri esotici.

In cattività, al contrario di altre specie esotiche, ho notato che necessitano di condizioni ambientali particolari e che basta la minima variazione per far calare la loro forma fisica. Necessitano di una temperatura che si aggiri sui 20° e di un umidità costante, circa il 60%.
Il periodo riproduttivo va da fine settembre fino a primavera inoltrata con non più di tre covate all'anno, anche se personalmente tendo a far fare ai miei soggetti non più di due covate.

Parlando di riproduzione, riveste notevole importanza la tipologia di nido utilizzata, infatti si può utilizzare il classico nido a cassetta impiegato per gli altri esotici oppure, specifico per il Diamante di Gould, il nido detto 'a doppia camera'.
E' da sapere che in natura il Diamante di Gould nidifica nelle cavità degli alberi dove l'illuminazione è assente. I pulli, a tal proposito, hanno dei Pattern Boccali che non sono altro che piccole palline luminescenti poste al bordo del becco che permettono appunto ai genitori di imboccarli anche in asenza di luce.
Ecco, il nido a doppia camera, come si intuisce dal nome,  ha una prima camera di ingresso, più illuminata, che serve semplicemente per accedere al nido, e una seconda camera, più buia, nella quale i nostri Diamanti andranno a nidificare.
Il discorso nido è un pò complesso, nel senso che non è consigliato uno rispetto all'altro, ma va un pò a discrezione dell'allevatore. Ci sono correnti di pensiero che affermano che è meglio utilizzare l'uno rispetto all'altro, e altre correnti che affermano il contrario, quindi il mio consiglio, che è anche ciò che ho fatto io, è di lasciar scegliere ai vostri Gould quale preferiscono.

L'alimentazione, sarò ripetitivo, è la solita già descritta per gli altri esotici che allevo, quindi il solito buon misto per esotici, acqua sempre pulita e fresca, osso di seppia sempre disponibile, ogni tanto spiga di panico e pastoncino, e un buon apporto di sali minerali (grit o prodotti specifici solubili in acqua o da somministrare nel pastoncino).
Consiglio un buon apporto di calcio durante la fase di deposizione uova, preferibilmente solubile in acqua e quindi da mettere nel beverino, in modo tale che avremo la certezza dall'assunzione del prodotto da parte dei soggetti.

Le uova deposte in media sono 5/6 covate per circa 15-16 giorni fino alla schiusa. Il discorso cova, come ben saprete, dipende dai soggetti, infatti per alcuni non ci saranno problemi mentre invece per altri bisognerà ricorrere alle già citate balie, i nostri cari Passeri del Giappone.
Fino a qualche anno fa si diceva che i Gould non allevavano in purzza, e che i Passeri erano fondamentali. Ora invece, anche parlando con altri allevatori e amici, noto che la riproduzione in purezza sta avendo una crescita molto importante. Le balie vanno utilizzate solo in caso di necessità, di abbandono delle uova o dei pulli, ma non devono essere impiegate a priori con il solo scopo di avere più pulli nell'arco dell'anno ("Meglio pochi, ma buoni").
Lo svezzamento della prole avviene intorno ai 40 giorni, quando i piccoli saranno ormai autonomi nell'alimentazione. Il piumaggio al momento dello svezzamento sarà grigiastro, e assumeranno poi la tipica livrea 'colorata' con la prima muta.

In natura, la forma ancestrale del Diamante di gould è caratterizzata dal color verde del dorso, dal petto viola e  dalla testa in tre diversecolorazioni: rosso, giallo, nero. Il dimorfismo sessuale, a differenza di altri esotici conosciuti come per esempio Codalunga e Bichenow, è molto evidente, infatti nella femmina i colori di dorso e petto sono molto meno intensi e il colore della mascherina della testa olto meno estesa rispetto a quela del maschio.

Oltre alla forma ancestrale, in cattività sono nate altre mutazioni del Diamante di Gould tra le quali:

  • Petto Bianco
  • Blu
  • Pastello Singolo Fattore
  • Pastello Doppio Fattore
  • Altre derivanti dalle combinazioni delle mutazioni sopra citate (es. Blu pastello singolo fattore, Blu petto bianco, ..)

 

Rielaborazione a cura di: Allevamento Valle Masna

Chi è online

Abbiamo 22 visitatori e nessun utente online

Portale esotici

Portale Esotici Top Sites List

Sito ottimizzato con TuttoWebMaster

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.