Diamante di Bichenow (Taeniopygia Bichenovii)

La scheda del Diamante di Bichenow

Il Diamante di Bichenow è un piccolo astrilide originario della parte settentrionale dell'Australia lungo circa 9-10cm.

Tra tutti i diamanti australiani è sicuramente il meno appariscente dal punto di vista dei colori, ma è sicuramente uno dei più belli ed affascinanti. I colori predominanti sono il nero, il grigiastro ed il bianco che vanno a formare disegni e sfumature molto particolari; le zampe sono di colore scuro tendente al nero ed hanno un piccolo becco di color argenteo.

Dimorfismo sessuale quasi inesistente, l'unico modo per non sbagliare la determinazione del sesso di un soggetto è il solito canto del maschio, non molto armonioso a dir la verità, però sicuramente distinguibile dal classico cinguettio della femmina.
Ad occhio esperto ci sono altri due modi per il sessaggio dei Bichenow: lo spessore della barra nera che attraversa il petto, che dovrebbe essere più sottile nella femmina rispetto al maschio, e l'ampiezza della caratteristica forma a V color nero che si trova sulla nuca del soggetto, più ampia nella femmina che nel piumaggio del maschio.

In natura questo piccolo diamante costruisce il suo nido nei cespugli, dove vi depone 4/5 uova covate per circa 13 giorni.
In cattività invece accetta di buon grado la classica cassettina in plastica utilizzata anche per gli altri esotici, e ho notato che sono molto precisi nella costruzione del nido. Prediligono come materiale d'imbottitura la sisal, che grazie alla sua maggiore rigidità rispetto agli altri materiali, per mette loro di costruire dei veri e propri nidi capolavoro a forma di palla all'interno della cassettina e creano una piccolo conca per la deposizione delle uova in un angolino. Depongono in media 5uova che si schiudono intorno al 13° giorno di cova.

L'alimentazione è la stessa che viene fornita agli altri esotici, ovvero il classico misto di semi, il pastoncino (meglio se secco) e ogni tanto quelche spiga di panico (fondamentale invece quando i piccoli lasciano il nido).

Da tenere in seria considerazione è, come ho già citato per i Becchi d'Argento, la fragilità delle femmine per quanto concerne la deposizione delle uova. Anche nel Diamante di Bichenow ho notato la facilità di vedere femmine con seri problemi nella deposizione, dalle uova con gusci molli o non completamenti formati fino alla ritenzione dell'uovo. Rimedio, o meglio, prevenzione da me vivamente consigliata è un trattamento pre-cova a base di calcio solubile in acqua, oltre ai classici osso di seppia e grit.

Per quanto concerne le mutazioni invece, troviamo il Diamante di Bichenow ancestrale e la mutazione bruna, che rispetto alla prima si presenta di un colore bruno chiaro al posto del nero della forma ancestrale. La mutazione bruna è legata al sesso.

Per quanto riguarda la scelta delle coppie, nonostante sia un uccellino molto tranquillo e socievole sia con esemplari della sua specie sia con gli altri esotici, ho notato nel suo comportamento in voliera il vizio di 'radunarsi' nei nidi di chiunque altro per passare la notte, quindi tendo a prediligere la riproduzione con coppie fisse piuttosto che in colonia, ottenendo un maggior affiatamento nella coppia e un minor disturbo. Certo, i partner si devono piacere, però non mi sono sembrati molto pignoli da questo punto di vista.

 

 

Rielaborazione a cura di: Allevamento Valle Masna

Chi è online

Abbiamo 26 visitatori e nessun utente online

Portale esotici

Portale Esotici Top Sites List

Sito ottimizzato con TuttoWebMaster

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.